Grillo Viognier Sicilia DOC Gusto&Passione Selezione Slow Food - SuperSIGMA
Premiaty > VINI&BEVANDE Novembre 2021

Grillo Viognier Sicilia DOC Gusto&Passione Selezione Slow Food

Premiaty > VINI&BEVANDE

Vitigno tipico del Marsalese e della Sicilia occidentale (dove viene chiamato riddu), il Grillo è utilizzato anche nella produzione del vino Marsala e, al contrario di molte varietà autoctone italiane, non ha origini antiche. Infatti risulta essere stato citato per la prima volta nella seconda metà dell’Ottocento e probabilmente è frutto di un incrocio tra due vitigni siciliani (Catarratto e Zibibbo) realizzato dal barone Antonio Mendola, agronomo e ampelografo.

Dopo aver vissuto una fase di grande diffusione negli anni ’30 del secolo scorso, quando copriva quasi il 60% del vigneto siciliano, successivamente ha ceduto il passo ad altre varietà e oggi rappresenta solo il 6% nella Regione.

Un tempo allevato con il tradizionale metodo dell’alberello, è noto per avere una eccellente capacità di accumulo zuccherino, che lo distingue dalla maggior parte degli altri vitigni bianchi, e per essere adatto a produrre vini di buona longevità.

L’approccio in cantina dei vari produttori può amplificare alcuni caratteri rispetto ad altri, ma gli aromi in genere variano da toni erbacei, di agrumi e spezie, fino a note di fiori secchi e fieno. Al gusto è strutturato, secco e asciutto, con buon vigore acido-sapido che ravviva il sorso.

Da servire fresco, a una temperatura compresa tra 10° e 11°, si sposa con paste o risotti a base di pesce (ma si consiglia anche l’abbinamento con un risotto alla zucca e ai fagioli borlotti), oppure con pesci alla griglia e al forno, hamburger di melanzana o melanzane in carrozza, o con preparazioni a base di uova e carni bianche.