Perugia, la città del cioccolato - SuperSIGMA
Premiaty > ITINERARIO Gennaio 2018

Perugia, la città del cioccolato

Premiaty > ITINERARIO

Chi non fosse disposto a cedere a qualche peccato di gola, eviti di visitare il capoluogo umbro dal 13 al 22 ottobre. Si svolge infatti in quei giorni la 24a edizione di Eurochocolate, che richiama nel cuore d’Italia frotte di golosi da tutto il mondo. Per “espiare”, però, la città offre anche tanti itinerari in bilico tra arte, storia e religione

È un fiume di gente Corso Vannucci, arteria principale della città. Così come Piazza IV Novembre, con le morbide forme della Fontana Maggiore che a malapena si intravedono tra la folla che si muove all’unisono seguendo il profumo del cioccolato che disegna nell’aria un itinerario irresistibile. Certo, non è sempre così affollato il centro di Perugia, ma ottobre è il mese dell’Eurochocolate, un evento al quale ogni goloso che si rispetti dovrebbe partecipare una volta nella vita! Tema di quest’anno, la musica. E così, al piacere di vagare per gli stand dei migliori cioccolatieri si unisce quello di ascoltare le note di gruppi, cantanti e bande, protagonisti di sfide e concerti, ospitati proprio in Piazza IV Novembre.

Arte sacra, ma non solo

Volendo ritagliarsi un po’ di tranquillità in questo carnevale dei sensi, è possibile varcare le porte del Palazzo dei Priori e, sotto lo sguardo vigile del grifo e del leone, visitare la Galleria Nazionale dell’Umbria con i suoi capolavori dell’arte medievale e rinascimentale. O ancora visitare il Nobile Collegio della Mercanzia, con i suoi splendidi decori lignei, e la Cattedrale gotica di San Lorenzo che ospita nei suoi spazi il ricco Museo Capitolare e un’area archeologica di grandissima suggestione che riporta indietro nel tempo all’epoca etrusca. Proprio a quel periodo risale anche il vicino pozzo: la visita dura pochi minuti, ma lo stupore di fronte a un’opera così imponente e così antica è tale che ne varrà certamente la pena.

Proseguendo verso nord si incontrano la Chiesa di San Severo, con l’affresco “La trinità e i santi” che porta le prestigiose firme di Raffaello e Perugino. E ancora, l’arco che rappresenta l’antica porta d’accesso all’acropoli etrusca e la Chiesa di Sant’Agostino che vale la sosta soprattutto per il vicino Oratorio barocco tutto ricamato d’oro ma non sempre accessibile alle visite. Bello anche l’oratorio di San Bernardino e di Sant’Andrea con l’elegante facciata rinascimentale e il sarcofago paleocristiano che funge da altare. Poco distante il MuSa, Museo dell’Accademia di Belle Arti, dove lasciarsi sopraffare dal fascino della galleria dei gessi. Il cammino in questa parte di città porta a scoperte sorprendenti, come quella di Via dell’Acquedotto, suggestiva strada sopraelevata nata sulle vestigia di un ardito acquedotto duecentesco, o ancora il mosaico romano “nascosto” nella sede della Facoltà di Chimica dell’Università di Perugia e, infine, lo splendido Tempio di San Michele Arcangelo, una delle prime chiese paleocristiane in Italia.

Simboli e misteri

Tornando in Corso Vannucci, sono due gli appuntamenti da un perdere in questo periodo. Al civico 39, quello di Palazzo Lippi Alessandri, fino al 29 ottobre è visitabile gratuitamente l’insolita esposizione “Un immenso bene umbro”, percorso tra opere d’arte, volumi e materiali di vario genere che testimoniano l’impegno delle Fondazioni locali nel tutelare e sostenere l’arte nelle sue tante espressioni. Al civico 25, quello del Nobile Collegio del Cambio, invece, potete trovare una mostra che, fino al 22 ottobre, mette a confronto l’opera del Perugino e quella di due ospiti illustri, Gian Lorenzo Bernini e Diego Velázquez. Capolavori d’altro tipo al civico 32, dove ci aspetta la Pasticceria Sandri che, aperta a metà ’800, di quell’epoca mantiene viva l’atmosfera. Una sosta golosa giusto per ricordarci il vero motivo che ci ha portato fino a Perugia e farci tornare sulla “diritta via”, quella in direzione Rocca Paolina. O meglio, Rocca Pralina, come viene ribattezzata durante Eurochocolate l’imponente fortezza cinquecentesca che della manifestazione rappresenta un altro centro nevralgico. Da visitare in zona la Chiesa di Sant’Ercolano, dalla forma di torre ottagonale, e la Basilica di San Domenico, la più imponente della città, con il vicino Museo Archeologico.

Gli amanti del verde non perdano quindi l’orto botanico e l’orto medievale, con le loro specie rare ma anche la loro antica simbologia, che non manca nemmeno nelle ultime due strutture religiose che andiamo a visitare: la Basilica di San Pietro, con il misterioso dipinto “Apoteosi dell’Ordine dei Benedettini”, uno dei quadri più grandi al mondo, e il Complesso templare di San Bevignate, che se da una parte rappresenta una straordinaria testimonianza della presenza dei Templari sul territorio, dall’altra è uno scrigno di misteri ancora tutti da risolvere legati all’enigmatica identità del santo a cui è intitolata, alle vicende dell’inquietante fenomeno dei flagellanti, nato proprio a Perugia e, ovviamente, ai tanti simboli incisi sulle sue antiche pareti.

Lezioni di cioccolato

E se vi dicessimo che i Baci Perugina un tempo si chiamavano Cazzotti? Era questo il nome con il quale erano conosciuti i classici cioccolatini alla nocciola nati da un’idea della stilista umbra Luisa Spagnoli, e che solo in un secondo momento assunsero il più amichevole nome che portano ancora oggi. Per scoprirne la storia è possibile visitare la Casa del Cioccolato, all’interno dello stabilimento Perugina di San Sisto, a un’oretta di macchina dal capoluogo, visitando il Museo, la Fabbrica e la Scuola di Cioccolato. Un itinerario tra storia e cucina capace di ingolosire tutta la famiglia.

Shopping

Chi volesse portarsi a casa un souvenir di Eurochocolate non dovrebbe perdere i punti vendita dei Costruttori di Dolcezze con i loro divertenti gadget ufficiali: quest’anno il tema musica sarà rappresentato dalla tastiera di cioccolato, ma non mancheranno anche golosi pentagrammi e “note di gusto”. Oppure, visitate alcuni locali storici della città per trovare ottime praline artigianali, come la Cioccolateria Gelateria Augusta Perusia di Via Pinturicchio 2.

 

Dieci cose da fare in un weekend a Perugia

  1. Fare un tour delle sue tante chiese scoprendo storie di templari, flagellanti e santi misteriosi
  2. Visitare i suoi musei ricchi di arte sacra e antica
  3. Entrare in quella città nella città che è la Rocca Paolina
  4. Andare a caccia di vestigia etrusche anche “fuori porta”
  5. Prenotare una lezione di dolcezza alla Scuola del cioccolato
  6. Assaggiare la migliore norcineria locale, profumata al tartufo e accompagnata dalla torta al testo
  7. Perdersi tra i vicoli, come la stretta Via Ulisse Rocchi, alla ricerca di osterie della tradizione
  8. Portare i bambini a visitare “La città della Domenica”, a 10 minuti dal centro
  9. Raggiungere il lago Trasimeno per una passeggiata nella natura
  10. Muoversi a bordo del panoramico Minimetrò

Info utili

In aereo L’aeroporto San Francesco d’Assisi di Sant’Egidio (Pg) si trova a 20 minuti dal centro cittadino. www.airport.umbria.it


In auto Arrivando da nord: Autostrada A1, uscita di Valdichiana e raccordo per Perugia costeggiando il lago Trasimeno da nord-est: Superstrada E45 (Cesena -Orte) uscite di Perugia. Arrivando da sud: Autostrada A1, uscita di Orte, raccordo Orte-Terni, uscita per Perugia per l’immissione nella E45.


In treno Le linee sono quelle di Milano-Bologna -Firenze-Roma via Terontola, Firenze-Terni, e la Roma-Ancona via Foligno.


Card Perugia Città Museo La tessera dà diritto a visitare i principali centri culturali della città, parte del circuito “Perugia Città Museo”, con sconti per altre strutture partner. Prezzo base: 14 euro www.perugiacittamuseo.it
 

Dove mangiare

Cukuc Street food in salsa umbra. Apprezzatissima la sua torta al testo. Prezzo medio: 10 euro Via Barteri, 2 Tel. 075.5002437 www.cukuc.com


Ristorante Gradale Nel castello di Monterone, a pochi minuti dal centro. Cucina della tradizione. Prezzo medio: 30 euro Strada di Montevile, 3 Tel. 075.5724214 www.ristorantegradale.com


Osteria a Priori In equilibrio tra bottega e ristorante, piatti del territorio. Prezzo medio: 35 euro Via dei Priori, 39 Tel. 075.5727098
 

Dove dormire

Etruscan Chocohotel Il tema del cioccolato viene sviluppato negli arredi delle camere ma anche negli ambienti beauty e relax e in cucina. Doppia da 80 euro Via Campo di Marte, 134 Tel. 075.5837314 chocohotel.it


Il Melograno Fuori città, elegante e immerso nel verde. Pacchetti da 74 euro a persona Strada Colle Palazzone, 4 - Pianello (Pg) Tel. 075.602752 www.agriturismoilmelograno.com


Podere Caldaruccio La Pineta Sulla sommità di una collina, accogliente. Appartamenti da 90 euro a notte Via Pineta 19, Strada Palazzetta, 19 Tel. 075.694348 www.casolare.net/caldaruccio