L’orto sul balcone dà grandi soddisfazioni - SuperSIGMA
Premiaty > BALCONE E GIARDINO Aprile 2022

L’orto sul balcone dà grandi soddisfazioni

Premiaty > BALCONE E GIARDINO

Voglia di cimentarvi con erbe e ortaggi? Nessun timore: l’orto nei vasi è davvero alla portata di tutti e bastano poche accortezze per ottenere risultati in poco tempo!

Coltivare i nostri ortaggi biologici in vaso è molto più facile di quello che sembra e regala delle soddisfazioni inaspettate. A venirci incontro e a semplificare non poco il lavoro ci sono in commercio delle soluzioni con blocchi verticali adatti per il balcone.

Il mese di aprile è perfetto per piantare i nostri ortaggi preferiti e il consiglio, in generale, è di prendere delle piantine già pronte, dal momento che in primavera è troppo tardi per le semine, che andrebbero effettuate già alla fine dell’inverno, potendo disporre di un luogo riscaldato.

Aprile è il momento giusto per mettere a dimora i pomodori datterini, i pomodori ciliegia, la lattuga, i cetrioli, l’insalata e i peperoncini, che crescono benissimo in vaso.

Queste piante si adattano anche a una posizione in semi-ombra, sono resistenti e facili da coltivare. Non possono mancare nel nostro angolo verde le piante aromatiche come il basilico, la menta, la salvia, il timo, l’erba cipollina e il generoso prezzemolo. Quest’ultimo si può anche seminare e crescerà molto velocemente.

I preparativi

Il segreto per poter raccogliere in estate pomodori e verdure gustose sta nel cominciare dalla preparazione del terreno e dei vasi. Una combinazione vincente consiste nell’utilizzare terriccio universale con un po’ di terra di campo o giardino e una bella quantità di stallatico, cioè il concime da stalla pellettato.

Per i pomodori è bene sistemare dei tutori (per esempio delle canne di bambù) ai quali legare le piante. Anche i cetrioli preferiscono avere dei supporti sui quali arrampicarsi. Non appena piantati vanno annaffiati subito e dopo due settimane si può iniziare con le concimazioni: anche in questo caso danno ottimi risultati i fertilizzanti naturali, per esempio il sangue di bue. Quest’ultimo, a differenza del fertilizzante stallatico che rilascia lentamente le sostanze nutritive alle piante, comincia a stimolare le piante già dopo due settimane; in questo modo gli ortaggi si saranno già abituati alla nuova sistemazione, dopo il rinvaso.

Le caratteristiche

Tra queste verdure la più veloce a crescere è la lattuga, che sarà pronta da mangiare dopo circa 40 giorni. I pomodori sono molto generosi ed è possibile raccoglierli e consumarli fino al mese di settembre. Un consiglio particolare riguarda la menta: badate a piantarla in un vaso da sola, poiché le sue radici tendono a occupare tutto lo spazio disponibile e soffocherebbe qualsiasi altro ortaggio. Le piante di basilico che troviamo in commercio presentano tanti piccoli esemplari in poco spazio; per avere foglie belle grandi possiamo dividerle e piantarle disponendole più distanziate.

Da provare assolutamente, anche in vasi di medie dimensioni, la semina dei gustosi ravanelli, davvero facilissimi da coltivare, anche per i pollici verdi alle prime armi. Si possono seminare direttamente nel vaso (diradando le piantine che nascono troppo vicine) e dopo sole tre settimane saranno pronti da mangiare e per arricchire gustose insalate completamente coltivate in casa con lattuga e datterini. Buon appetito!