Guardaroba Capsula, fashion e sostenibile - SuperSIGMA
Premiaty > VIVI SOSTENIBILE Maggio 2022

Guardaroba Capsula, fashion e sostenibile

Premiaty > VIVI SOSTENIBILE

Forse avrete sentito parlare di questo modo sostenibile per ritrovare il proprio stile. Quanti di voi, di fronte all’armadio aperto traboccante di vestiti, hanno esclamato: “non ho nulla da mettermi!”. Ecco, si parte proprio da qui per passare dalla moda veloce a uno stile più personale e meditato, alla ricerca di se stessi e della sostenibilità. Ma come funziona nella pratica?

Spesso i nostri armadi sono ricolmi di abiti frutto di acquisti impulsivi, magari perché si trattava di capi in saldo, oppure perché di moda in un particolare periodo. Nel momento dell’acquisto non ci siamo soffermati su quanto quell’articolo fosse effettivamente indossabile, sia in relazione agli altri abiti già nel nostro guardaroba sia al nostro stile di vita, o su come ci potremmo sentire quando lo indossiamo.

L’obiettivo del guardaroba capsula è proprio ridurre il contenuto dell’armadio in modo che tutti i capi al suo interno siano abbinabili tra loro, ragionando sul nostro stile di vita, così da avere vestiti che possiamo mettere nel nostro quotidiano ed eliminare tutti gli acquisti del momento che creano solo confusione e non ci rappresentano. Comprare meno e meglio. Questo non solo è importante per il nostro portafoglio, ma anche per il pianeta.

Come si fa?

Si prende come punto di riferimento un periodo di tre mesi (grossomodo una stagione), si selezionano solo 37 capi di abbigliamento (incluse scarpe e giacche, ma esclusi accessori, pigiami, intimo e abbigliamento da palestra), e quelli saranno i soli capi che andremo a indossare. Lo shopping non è ammesso durante questo periodo, è consentito solo qualche settimana prima dell’inizio del periodo successivo, nel caso in cui si debbano fare aggiunte o sostituzioni.
Se pensate che sia impossibile, superato lo shock iniziale vi renderete conto che è più che fattibile, anzi, è un ottimo modo per disintossicarsi da acquisti non necessari, soprattutto nei negozi delle catene “fast fashion” e per riuscire finalmente a trovare un proprio stile personale, spesso soffocato da acquisti sbagliati. Ricordate sempre che non siamo ciò che indossiamo, gli abiti sono semplicemente uno dei tanti mezzi che abbiamo per rappresentare il nostro modo di essere al mondo. Non preoccupatevi se pensate di non avere uno stile, perché in realtà tutti lo hanno, magari abbiamo solo bisogno di più tempo per trovarlo.

10 punti per cominciare

  1. Siediti e inizia a ragionare su quali sono gli abiti che hai che ti piacciono di più: quelli che ti fanno stare bene e che ami indossare. Questo è il punto di partenza per sapere cosa tenere e cosa acquistare in futuro.
  2. Individua gli abiti che invece non indossi mai, perché non ti fanno sentire a tuo agio o perché semplicemente non ti piacciono. Da qui saprai cosa donare, vendere o regalare e non ricomprare in futuro.
  3. Pensa al tuo stile di vita: hai bisogno di abiti pratici e comodi perché sei sempre in movimento oppure hai un lavoro che necessita di un abbigliamento più formale? Pensa a tutto questo anche in rapporto al clima che ci sarà nei tre mesi a seguire.
  4. Seleziona un paio di colori principali – che saranno quelli dei pezzi più importanti del tuo guardaroba – , uno secondario che sia complementare ai primi due e, infine, qualche altro colore per alcuni capi minori che siano però in grado di dare un tocco personale.
  5. Passa alla pratica e svuota tutto il tuo armadio dividendo il contenuto in cinque pile: - i capi che ami tantissimo e che sono adatti alla stagione che arriva- i capi che ami tantissimo ma che non sono adatti alla stagione che arriva - i capi che non metti da anni, non ti fanno stare bene e che quindi sono da dare via sicuramente (vendendoli o donandoli se ancora in buono stato)- i capi per le occasioni speciali, che non rientrano nel guardaroba di tutti i giorni ma che saltuariamente potrebbero servire- i capi in forse
  6. Componi la tua selezione prendendo i capi della prima pila e abbinandoli tra di loro, annotando eventualmente cosa potrebbe mancarti. Se non lo trovi nella pila dei “forse” quello potrebbe essere il capo da acquistare. Metti via i capi per le future stagioni, quelli per le occasioni speciali e anche quelli in forse. Quelli che non hai toccato nel corso dell’anno possono essere venduti o donati.
  7. Non importa che i capi siano esattamente 37, anche 43 o 30 andrebbero bene, si tratta solo di un numero indicativo, l’importante è che sia piccolo e che tutti i capi che ne fanno parte possano essere abbinati tra di loro e siano davvero indossati.
  8. Per i successivi tre mesi non acquistare nulla: se ne riparlerà alla prossima stagione.
  9. Ora che sai cosa c’è nel tuo armadio con esattezza e sai cosa ti piace indossare, ogni volta che vorrai fare un acquisto pensa: mi serve davvero? Posso abbinarlo agli altri capi? È qualcosa che ho già nell’armadio? Il più delle volte ti accorgerai che non ne avrai bisogno.
  10. Divertiti con quello che hai e osa abbinamenti che magari non avevi mai pensato prima. Avere poca scelta attiva la creatività e aiuta a fare emergere il proprio stile.