Gennaio sul balcone e nell’orto - SuperSIGMA
Premiaty > BALCONE E GIARDINO Gennaio 2022

Gennaio sul balcone e nell’orto

Premiaty > BALCONE E GIARDINO

Quando pensiamo all'inverno, in particolare al mese di gennaio, immaginiamo un periodo di meritato riposo per i pollici verdi. E invece gli amanti delle piante non si fermano mai!

A fine autunno ci siamo preoccupati di spostare le piante tropicali o più delicate in casa, per tenerle al riparo dalle basse temperature invernali. Dobbiamo controllarle spesso per assicurarci che non le attacchino gli acari o le cocciniglie, che col tepore di casa possono moltiplicarsi e rovinare le piante.

Rinvasi e trapianti

È il momento giusto per rinvasare i cactus, che abbiamo smesso di annaffiare a ottobre e che ora hanno il terriccio completamente asciutto, quindi non subiranno traumi da rinvaso in quanto è come se stessero dormendo.
In giardino, se le condizioni climatiche lo permettono e il terreno non è gelato o inzuppato d’acqua, si possono completare i trapianti degli arbusti e delle piante ad alto fusto. Tra gennaio e febbraio si possono mettere a dimora le nuove piante di camelia, di rododendro e di azalea, che fioriranno all’inizio della primavera.

Le potature

Molte piante sul terrazzo e in giardino si potano ora: le rose, le clematis, il bosso, il ligustro, il tasso; ed entro fine mese vanno potati gli alberi da frutto e i vigneti. Per le rose consiglio di procedere in questo modo: non appena le gemme appaiono gonfie, vanno tagliati i rami morti, quelli danneggiati da parassiti o malattie fungine, quelli troppo sottili e i rami più interni che sottraggono luce e aria alla chioma.

I preparativi per la primavera

Se il terreno e le condizioni climatiche lo permettono, bisogna vangare le aiuole in vista dell’ormai prossima stagione delle semine. Per quelle in giardino sarà sufficiente una vigorosa vangatura, utile per facilitare la strutturazione del terreno ed eliminare le larve di eventuali parassiti. Sul balcone, invece, il consiglio è di rinnovare il terriccio, mescolandone al vecchio del nuovo: è una pratica importantissima e le piante ne gioveranno tanto in primavera. Questa operazione è utile anche per eliminare vecchie radici compattate, che possono poi ostacolare lo sviluppo di nuove piantine.
Se avete intenzione di riutilizzare vecchi vasi, è bene effettuare un’accurata pulizia delle pareti interne con acqua calda e sapone, per evitare la trasmissione di eventuali malattie e parassiti da una pianta all’altra. Durante questa operazione (in giardino, nell’orto, o nei vasi) è utile aggiungere un’adeguata quantità di composto, di stallatico o di concime organico per dare un adeguato substrato nutritivo alle nuove piante.