Magazine Premiaty

Frutti di Bosco

Un piacere per il palato, gli occhi e il corpo

PROPRIETÀ E BENEFICI

Ricchi di antiossidanti, i frutti di bosco prevengono l’invecchiamento della pelle grazie alla ricchezza di polifenoli che li caratterizza. Ottimi per chi soffre di colesterolo alto, si configurano anche come preziosi alleati nella prevenzione di infezioni urinarie (non a caso le tisane e gli integratori a base di mirtillo sono i principali rimedi per la cistite), malattie del fegato e cardiovascolari.

LE VARIETÀ

Nella categoria “frutti di bosco” rientrano mirtilli rossi o neri, fragoline di bosco, lamponi, more di rovo e ribes. Ma anche l’uvaspina, le more di gelso, le amarene e le bacche del sambuco nero potrebbero far parte della categoria poiché condividono lo stesso habitat di crescita.

FRUTTI DALLE MILLE SFUMATURE

Ad accomunarli non è la classificazione botanica, quanto l’habitat naturale. I frutti di bosco, infatti, sono tutti alimenti reperibili nel sottobosco o, più genericamente, nelle macchie di vegetazione selvatica. Spesso sono proprio le passeggiate nei boschi a regalarci questi frutti, da raccogliere e assaporare in tutta la loro freschezza.

ABBINAMENTI DA SPERIMENTARE

Il gusto dolce e acidulo allo stesso tempo dei frutti di bosco si presta ad audaci combinazioni anche per piatti salati. Assolutamente da provare è l’abbinamento con il gorgonzola, magari in un’insalata o sul pane tostato. Altrettanto vincente è l’utilizzo dei mirtilli nella preparazione di salse e riduzioni d’accompagnamento per arrosti di carne e selvaggina.

 

Crostini con gorgonzola, mirtilli, crudo e miele

Barrette al cioccolato con ribes e lamponi

Arrosto di maiale ai frutti rossi

Crêpes ai semi di papavero con crema di mirtilli e more